Radioattività Ambientale

La sezione radioattività ambientale (URA) sorveglia continuamente la diffusione della radioattività naturale e artificiale nell’atmosfera e nell’ambiente, in particolare in prossimità di centrali nucleari, industrie, istituti di ricerca e ospedali che utilizzano sostanze radioattive. Il rischio d’irradiazione per la popolazione viene determinato sulla base di misurazioni di dosi d’irradiazione di origine naturale e artificiale.Il laboratorio per la sorveglianza della radioattività della sezione URA è accreditato (ISO 17025).

Missione e organizzazione della sezione radioattività ambientale (URA)
La sezione URA sorveglia la radioattività nell’atmosfera e nell’ambiente, in particolare in prossimità di centrali nucleari e aziende che utilizzano sostanze radioattive.

Sistemi d‘allarme
Alcuni sistemi di misura e d’allarme autonomi e automatici sorvegliano in Svizzera l’irradiazione ambientale e la presenza di radioattività artificiale nell’aria.
Sorveglianza dell’aria (misure sensibili)
Collettori di aerosol ad alti volumi (HVS) permettono di individuare tracce di radioattività nell’aria vicino al suolo. L’aria a grandi altezze viene campionata con aerei (HFF).

Campioni ambientali e prodotti alimentari
Terra, acqua, erba, latte, cereali etc. vengono sorvegliati secondo un piano per il campionamento e in collaborazione con laboratori specializzati dei cantoni e della confederazione.

Misure in situ della radioattività
La sezione URA e altri laboratori misurano deposizioni di radioattività direttamente nel terreno con spettrometria gamma in situ. La centrale nazionale d’allarme coordina le misure di radioattività per mezzo di elicotteri.

Rapporti annuali
La sezione URA determina il rischio d’irradiazione per la popolazione sulla base di misurazioni e pubblica i risultati in un rapporto annuale.

Rilascio di radioattività
Gli incidenti di Fukushima e Chernobyl hanno liberato grandi quantità di radioattività. Ancora più radioattività è stata rilasciata nell'ambiente a causa di test nucleari.

Comments are closed.